clicca per ingrandire

Il casone tipico dovrebbe essere quello che è ben presente in vari esempi all'Oasi (tralasciando recenti ricostruzioni che oltre ai materiali hanno snaturato anche dimensionalmente quelle che erano le tipologie antiche): perimetro di base rettangolare con lati minori (anteriore e posteriore) arrotondati; pareti di base verticali (orto) alte m 1,50 circa che si alzano verso l'ingresso per permetterne un più agevole transito; il casone gradese presenta 7: perimetro di base rettangolare con il lato posteriore rettilineo, o quasi, e perpendicolare ai fiachi, mentre il solo lato anteriore è arrtondato; pareti di base verticali alte m 1,50 circa, alzantisi verso l'ingresso (nel tipo "più vecchio però lo spiovente del tetto scende molto più in basso); infine il casòn caorlotto, che: ha perimetro di base già più tendente all'elissoidale con Iati minori, davanti e nel retro, con più accentuate rotondità; è senza pareti di base verticali che casomai si realizzano all'interno lasciando le falde di copertura arrivare fino a terra9;ha la porta d'ingresso rientrante rispetto al perimetro esterno delle pareti. Va comunque precisato che queste caratteristiche specifiche, notate per ognuno dei vari tipi di casone, si influenzano vicendevolmente venendo anche usate reciprocamente e, quando ciò avviene, si evidenzia ancor più la diversità fra di esse.

clicca per ingrandire

Va comunque precisato che queste caratteristiche specifiche, notate per ognuno dei vari tipi di casone, si influenzano vicendevolmente venendo anche usate reciprocamente e, quando ciò avviene, si evidenzia ancor più la diversità fra di esse. Origini "Fa una certa impressione osservare una delle tipiche costruzioni in canne e paglia delle bocche del Danubio, e rendendosi conto che un pescatore maranese vi si potrebbe trovare a proprio agio, più che in una qualsiasi casa rurale della bassa pianura friulana, tanto essa gli ricorderebbe il casone della sua laguna. Abitazioni simili, infatti, si ritrovano con stupefacente regolarità in molte delle zone umide nelle quali l'uomo è riuscito, nel corso dei secoli, più o meno stabilmente ad insediarsi.

clicca per ingrandire

clicca per ingrandire

Le cannelle dovevano essere pulite, essicate, ecc. per essere poi riprese a mazzetti e collocate sul tetto con il gambo in alto e le punte in basso per facilitare lo sgrondo dell'acqua piovana che segue le nervature. Solo il piccolo sporto di gronda è realizzato ponendo i fasci di canna al contrario per farla resistente e sagomarla col taglio successivo. All'interno del casòn si accedeva per l'unica porta ad ovest, sottovento; il pavimento rimaneva di terra battuta; al centro si faceva il focolare quadrato in mattoni, rialzato un 40 cm da terra; si metteva qualche sgabello o panca ai lati e c'era la letièra in fondo che anticamente fungeva da letto per tutti.

Però dopo tre, quattro anni anche l'iniziale spessore di questo primo strato di canne (circa 10 cm) veniva ad assottigliarsi deteriorandosi, cosicche si procedeva ad una ricopertura, aggiungendo un altro strato di canne. Così procedendo, nei decenni, si arrivava anche a spessori cospicui di canna, sui 30-40 cm; ciò rendeva il tetto ancor più pesante e questo forse faceva nascere l'esigenza di porre internamente un montantepal de la lume (dove si attaccava il lume)che da terra sosteneva direttamente il colomèl (trave di colmo); poi che la struttura così com'era congetturata non ne avrebbe bisogno 8. Infatti ai piantoni di base si appoggiano le due cavariade (capriate) estreme che lo sorreggono direttamente.

Dopodichè si disponevano tutti gli altri travetti inclinati, poggiati sul colmo e sulla parete e legati alle assi celle orizzontali, le late, mentre con altre late esterne si rinserrava successivamente lo strato di canna contro questa struttura portante. I casoni hanno tutti il medesimo asse longitudinaIe in direzione est-ovest per offrire minor resistenza al vento di bora che è quello di gran lunga più forte in zona, ed hanno l'unico ingresso proprio ad ovest, che è il versante più riparato.

 Projected by Francesco Yu  & Francesco Fumei